L'identità di un popolo passa anche dai manufatti che indicano la strada che é stata da esso percorsa nel tempo. Prendersi cura e mantenere le testimonianze artistiche è prima di tutto un atto etico che garantisce la conoscenza ed il rispetto tra civiltà. Conservare, proteggere, mantenere per non disperdere l'eredità di memoria, cultura e bellezza che l'opera dell'uomo tramanda nel tempo.

 

L’Associazione La Ragione del Restauro (ARR) nasce a Firenze nel novembre 2010 come sviluppo dell’omonimo comitato, già attivo dall’anno precedente. E’ stata fondata da un gruppo di restauratori provenienti da varie regioni  e determinati ad affrontare e risolvere in primis uno dei problemi principali del settore: la qualifica degli operatori nel restauro dei beni culturali.

 

Sin dall’inizio l’attività del Comitato prima e dell’Associazione poi si è contraddistinta per ampiezza di vedute, senso di responsabilità, dialogo con le altre associazioni e con le parti politiche, costante confronto con un avvocato esperto di diritto dei Beni culturali, e determinazione nella ricerca della miglior soluzione possibile in un ambito in cui la necessità di normare percorsi formativi e lavorativi anche molto differenti tra loro, implica notevoli difficoltà.

 

Punto di forza dell’associazione sono i suoi associati: essi provengono da percorsi formativi assai differenti tra loro (dalla formazione artigianale a corsi specifici in particolari settori), operano in tutti i campi del restauro, in proprio come artigiani e professionisti, o come dipendenti e collaboratori, sia pubblici che privati, e ciò ha permesso sin dall’inizio di avere un quadro ampio della situazione ed un’attenzione al problema nella sua totalità.

 

Obiettivi fondamentali dell’Associazione sono: tutela delle diverse professionalità favorendone la crescita professionale e civile, scambio culturale e interdisciplinare tra i diversi soggetti oltre ad una presa di coscienza collettiva della categoria per rispondere alle nuove esigenze del settore e della salvaguardia del Patrimonio Storico e Artistico della Nazione, anche attraverso la collaborazione con associazioni e istituzioni, pubbliche e private, che perseguono i medesimi scopi.

 

La Ragione del Restauro si è sempre mossa parallelamente in vari ambiti: il percorso legale con la promozione di vari ricorsi ma soprattutto lo studio di possibili soluzioni giuridicamente fondate; la protesta civile con l’organizzazione di manifestazioni o azioni di protesta tramite e-mail e social network e con il coinvolgimento dei media; il confronto con le istituzioni e le forze politiche con audizioni presso le Commissioni cultura di Camera e Senato, lo studio di emendamenti e la partecipazione a tavoli tecnici; a questi si è da sempre affiancata l’attività divulgativa e di dialogo con l’organizzazione di convegni e dibattiti presso Saloni del settore, presenza a giornate dedicate al tema del restauro e dei beni culturali in genere, senza dimenticare le potenzialità divulgative del web.

 

 

 

Consiglio direttivo dell'associazione:

Silvia Mangionello - Presidente

Davide Vitello - Vicepresidente e responsabile Facebook

Luigi Criscuolo - Vicepresidente Aggiunto

Licia Zorzella - Tesoriere

Elisabetta Marchesi - Segretaria e responsabile di Info

Tamara Dalfiume - Segretaria e responsabile del sito

Giuliana Fenu - Consigliere


Associazione La Ragione del Restauro A.R.R.

Codice fiscale : 94190520489

Piazza Mascagni 22- 50127 Firenze

Telefono :

E-Mail : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Riservatezza dei dati

Informativa art. 10 legge 675/1996

La legge n. 675/1996 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Nel rispetto di tale norma, l'Associazione La Ragione del Restauro si impegna a trattare le informazioni ricevute secondo rigorosi principi di correttezza, liceità e trasparenza, a tutela della sua riservatezza e dei suoi diritti.

Ai sensi dell'articolo 10 della legge predetta, ribadiamo le seguenti informazioni:

I dati da lei forniti saranno diffusi tra gli associati per mutua conoscenza e comunicazione e per l'invio di comunicazioni riguardanti l'attività dell'associazione..

Il trattamento dei dati sarà effettuato con modalità manuali e informatizzate.

Il conferimento dei dati è obbligatorio in quanto necessario per l'attività sociale dell' Associazione . L'eventuale rifiuto a fornire tali dati può comportare la mancata adesione all'Associazione oppure l'impossibilità di ricevere le comunicazioni richieste.

Nel caso degli iscritti all'associazione, i dati potranno essere comunicati ad altri soggetti al fine del perseguimento degli obiettivi statutari dell''Associazione .

Il trattamento non riguarderà informazioni rientranti nel novero dei dati sensibili di cui all'articolo 22 della legge citata, vale a dire dati idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale.

 

Leggi l'informativa sulla Privacy

  • Regolamento sui requisiti e le modalità per l'ammissione dei Soci


    IL CONSIGLIO DIRETTIVO
    Preambolo

    • - Visto l'articolo 17 dello Statuto dell'Associazione;
      - vista la delega di cui all'atto costitutivo;
    • - visti i principi e i criteri direttivi determinati dall'Assemblea costituente per l'ammissione dei Soci ordinari;
    • - visto l'articolo 6 dello Statuto dell'Associazione;
    • - visto l'articolo 3 dello Statuto dell'Associazione;
    • - considerato che l’Associazione La Ragione del Restauro, in linea con il D.M. 86/2009 e ispirandosi alla deontologia di associazioni internazionali ed europee operanti nel medesimo settore, ritiene che le competenze del restauratore dei beni culturali debbano riferirsi, con pari dignità, sia alla formazione didattica sia all’esperienza lavorativa;
    • - considerato che l’Associazione ritiene fondamentale la formazione continua, intesa come costante aggiornamento delle competenze acquisite, sia con riferimento alle nuove metodologiee tecnologie, sia con riguardo all'esperienza pratica maturata sul campo;

     


    adotta il seguente Regolamento

     

    Articolo 1


    In attuazione dell'articolo 7 dello Statuto, il presente Regolamento determina i requisiti e disciplina le modalità per l'ammissione dei Soci.

    Articolo 2


    L'ammissione dei Soci è subordinata alla presentazione di apposita domanda scritta da parte degli interessati e al pagamento della quota associativa. La presentazione della domanda di adesione comporta la conoscenza e accettazione dello Statuto dell'Associazione e dei Regolamenti eventualmente adottati.

    Articolo 3


    Le domande di ammissione sono inoltrate al Segretario attraverso il format appositamente predisposto sul sito web dell'Associazione.
    Sulle domande di ammissione si pronuncia il Consiglio Direttivo.
    Nel caso di richiesta di ammissione in qualità di Socio ordinario, il Consiglio Direttivo è tenuto a motivare l'eventuale reiezione della domanda.
    Nel caso di richiesta di ammissione in qualità di Socio sostenitore, il Consiglio Direttivo si pronuncia con giudizio insindacabile.

    Articolo 4


    A seguito dell’accoglimento della richiesta di adesione, l’interessato riceverà apposita comunicazione con le istruzioni per il versamento della quota associativa.
    L’adesione si intenderà perfezionata alla data del pagamento, che dovrà avvenire entro sette giorni dalla comunicazione dell’accoglimento della richiesta di adesione.
    Il Segretario provvederà ad attribuire al nuovo Socio un codice personale per l’accesso all’area del sito web dell’Associazione riservata ai Soci.

    Articolo 5

     

    Ai fini dell’ammissione all’Associazione in qualità di Socio ordinario, per “operatore del restauro dei beni culturali” si intende:

    - Restauratore o Collaboratore di beni culturali ai sensi ex art. 182 del D. lgs. 22 gennaio 2004, n. 42 e ss.mm.ii.
    - Abilitati ex art. 29.


    Possono essere ammesse all’Associazione in qualità di Soci sostenitori le persone fisiche o giuridiche che, interessate alla realizzazione delle finalità istituzionali, sono in grado di fornire un contributo rilevante allo sviluppo dell'Associazione.


    Articolo 7


    Possono chiedere di essere ammessi all’Associazione in qualità di Soci sostenitori in formazione coloro i quali non hanno ancora conseguito i requisiti per essere ammessi come Soci ordinari, in particolare, gli studenti e i neo diplomati che ancora non possono vantare esperienza lavorativa.

Ultimo aggiornamento (Giovedì 13 Febbraio 2014 22:21)

Sottocategorie

Chi siamo

Associazione La Ragione del Restauro

A.R.R.

Codice fiscale : 94190520489

Piazza Mascagni 22- 50127 Firenze

Telefono :

E-Mail : info@laragionedelrestauro.it

Direttivo

Silvia Mangionello - Presidente

Davide Vitello - Vicepresidente e responsabile Facebook

Luigi Criscuolo - Vicepresidente Aggiunto

Licia Zorzella - Tesoriere

Elisabetta Marchesi - Segretaria e responsabile di Info

Tamara Dalfiume - Segretaria e responsabile del sito

Giuliana Fenu - Consigliere

Social Network

Seguici su Facebook

© 2010 - 2019 La Ragione del Restauro - Tutti i diritti riservati